A Roma, nei Giardini di Castel Sant'Angelo

Letture d'Estate

Libri giochi musica e relax
Nel cuore della tua città
20
Giugno
-
01
Settembre
Ingresso gratuito

Come oro nelle crepe: Gioia Di Biagio e le Cardamomò

L’autrice Gioia Di Biagio incontra il pubblico in un’intervista a cura di Valentina Farinaccio per parlare del suo ultimo libro, Come oro nelle crepe, Mondadori. Seguirà un concerto delle Cardamomò.

Gioia Di Biagio, nata a Firenze nel 1985, è appassionata di arti sceniche. In collaborazione con la sorella fotografa, ha creato il progetto “Fragile”, per sensibilizzare le persone su una malattia rara come l’Ehlers Danlos. Ha ideato la performance Io Mi Oro sostenuta da “La Tigre di Carta”. Da circa dieci anni suona e mette in scena spettacoli onirici con il gruppo musicale Le Cardamomò, esibendosi in Italia e all’estero.

Di cosa parla? Come oro nelle crepe: così ho imparato a rendere preziose le mie cicatrici, edito da Mondadori, è un piccolo libro sapienziale. Gioia Di Biagio, affetta da una sindrome rara che rende anche la sua pelle estremamente fragile, insegna come non arrendersi ai limiti del proprio corpo, trasformando la fragilità in bellezza e le cicatrici in rifiniture dorate, come nella tecnica del kintsugi.
Il suo è un esempio di resilienza, un insegnamento per tutti: è davvero possibile abbracciare il proprio dolore e
trasformarlo in una forma d’arte quotidiana. Perché nessuno sa essere forte come una persona fragile.

Chi sono? Le Cardamomò sono un eclettico quartetto di musicisti: voce lirica, violino, organetti, fiati e
chitarra. Propongono un repertorio ricercato e retrò di chansons francesi, pezzi onirici e un po’ folli, balli balcanici, canzoni di altri tempi. Nascono nel 2010 come progetto puramente musicale, per poi unire ben presto alla performance video-proiezioni, teatro delle ombre e racconti. Recentemente hanno concluso il loro nuovo
album “Vive la vie” regitstrato presso Ermes records a Roma, il disco è uscito il 6 aprile 2018 ed è stato
presentato in anteprima al Teatro Quirinetta di Roma con il loro nuovo spettacolo intitolato anch’esso “Vive la vie”.

Voce, fiati e chitarra: Ivan Radicioni;
Organetto e percussioni: Marta Vitalini;
Organetto e percussioni, Gioia di Biagio;
Voce e violino, Antonia Harper.

Foto credits: Ilaria Di Biagio